Massimiliano BIO

Massimiliano Barbolini muove i suoi primi passi nel mondo dell’opera come tenore nella centenaria corale G. Rossini di Modena e nel coro del Teatro Comunale Luciano Pavarotti, nel 1994. 

Il primo debutto come solista avviene al Teatro Borgatti di Cento ne “Il Signor Bruschino” di G. Rossini (1998), diretto dal maestro Claudio Desderi, col quale interpreta successivamente “La Cambiale di Matrimonio”, “La Scala di Seta”, “L’Inganno Felice”, “L’Occasione fa il Ladro” in importanti teatri quali l’Opera Comique di Parigi, la Konzerthause di Vienna e il Teatro Ariosto di Reggio Emilia. Proprio nel ruolo di Florville collabora con la Renata Scotto Academy.

L’esperienza con Desderi continua debuttando in “Così Fan Tutte” di W. A. Mozart a Torino.

Canta e incide per la Dynamic in prima assoluta “La Zingara” di G. Donizetti, diretto da Arnold Bosman al Festival Internazionale di Martina Franca. 

Nel novembre 2001 interpreta le arie da camera di G. Verdi in occasione delle celebrazioni per l’anno Verdiano, al pianoforte il maestro Andrea Dindo, presso l’Accademia Nazionale dei Lincei a Roma. Nello stesso anno l’incontro con il maestro Leone Magiera, col quale canta nel Concerto di Natale al Teatro dei Segni di Modena.  Collabora nuovamente come solista con la corale Rossini e il Teatro Pavarotti, interpretando lo “Stabat Mater” di Rossini, la “Messa di Gloria” di G. Puccini, i “Carmina Burana” di C. Orff, “Nabucco” di G. Verdi e “Spatzen Messe” di W. A. Mozart.

Un nuovo debutto vede il tenore impegnato nell’incisione in prima assoluta per Naxos del “Maometto II” di G. Rossini, direttore Brad Cohen, al Rossini Festival di Wildbad. Per la stessa etichetta incide “Il Signor Bruschino”.

Con la Fondazione A. Toscanini di Parma è nel ruolo di Donna Nora del “Matremmonnio Annascuso” di Leonardo Leo, alla bacchetta il maestro Alessandro D’Agostini. Ripete l’esperienza dei “Carmina Burana” nel Castello di Vigoleno (Piacenza) diretto dal maestro Massimiliano Caldi, con cui interpreta la “Nona Sinfonia” di L. V. Beethoven, con l’Orchestra del Teatro Carlo Coccia di Novara.

Apre la stagione del Teatro Nazionale di Novi Sad in Serbia con un concerto in diretta radiotelevisiva al fianco del maestro Stefano Seghedoni.

E’ vincitore del ruolo del Duca di Mantova in “Rigoletto” di G. Verdi al Concorso Lirico Internazionale “Giovanni Pacini” di Campi Bisenzio. Riveste i panni del Duca di Mantova nella Stagione Teatrale 2005-2006 per il Coordinamento Teatrale Trentino, durante il Festival Musicale Palmiero Giannetti a Siena e al Teatro di Fiuggi. Porta lo stesso ruolo in tournee internazionale, diretto dal maestro Bruno D’Astoli con la regia di Massimo Pezzutti, in diversi Paesi: Guatemala, Panama, Salvador, Nicaragua e Costa Rica. L’esperienza internazionale lo porta invitato dall’Ambasciata Italiana a tenere concerti in Inghilterra, Indonesia e Tanzania.

Inoltre in Giappone per la casa automobilistica Lexus, canta in un concerto a Nagoya col soprano Sakiko Ninomya, accompagnati da Aiko Fujiwara.

In marzo 2005, in occasione del Premio Ragno d’Oro si esibisce per Unicef. Nello stesso anno partecipa alla prima esecuzione assoluta dell’oratorio scenico “La Signora di Monza” di A. Bellisario.

Nell’anno successivo al Teatro Savoia di Campobasso esegue “Lucia di Lammermoor” di G. Donizetti. In dicembre di quell’anno canta “Il Natale del Redentore” di L. Perosi, diretto dal maestro Daniele Bononcini nella cornice romanica del Duomo di Modena. Sempre in occasione della festività interpreta l’ “Oratorio di Natale di C. Saint-Saëns op.12” nella Basilica di San Francesco di Ravenna. Nella stessa città partecipa alla rassegna “Lirica a Corte” a Palazzo Grossi. 

Recentemente l’esperienza canora si fa spazio anche all’operetta, ne “La Principessa della Czarda” di E. Kàlmàn al Teatro Storchi di Modena, con La Società del Sandrone. 

Ventennale è l’esperienza intrapresa con il gruppo “Amarcord”, che produce spettacoli di cabaret lirico e fun opera, nella suggestiva scenografia del Teatro Amazonas di Manaus in Brasile. La tournee si sposta attraverso luoghi importanti quali Salle Garnier di Montecarlo in occasione del Mese della Cultura Italiana, la Concert Hall Nohgakudo di Toyota City in Giappone, il Drake Hotel di Chicago per Expo Italia Internazionale, il Teatro dell’Opera di Budapest e nelle ambasciate italiane a Sofia e Lisbona con il patrocinio della Regione Emilia Romagna.

Il gruppo “Amarcord” coinvolge il tenore per un concerto di beneficenza per le Missionarie di Carità di Madre Teresa di Calcutta nella residenza dell’ambasciatore italiano a Cape Town (Sud Africa). 

Dal 2010 prende parte al progetto Festival Palco Italia Itinerante, supportato dall’Istituto Italiano di Cultura, per la divulgazione dell’opera lirica in Brasile, toccando moltissime mete del Paese dalle più importanti come Rio de Janeiro e San Paolo, fino a luoghi sconosciuti ai più.

Prende parte al concerto di chiusura dei Mondiali di Volo a Vela a Pavullo nel Frignano (Modena). Partecipa a diverse trasmissioni Rai: Uno Mattina, Prima della Prima, Cristianità e l’opera “L’Occasione Fa il Ladro” trasmessa da RaiSat.

Da queste esperienze nasce il sodalizio con il direttore artistico del gruppo, il basso-baritono Claudio Mattioli. Il duo si esibisce al Friars Club di New York, per l’apertura del 60° Festival di Morgan Park (Long Island, NY) e con un concerto al New York Pizza Festival.

Le due voci intraprendono una nuova avventura con il tour “Va’ Pensiero” per il progetto “Fitzcarraldo” attraverso le vie fluviali dell’Amazzonia.

Il ritorno in Italia li vede impegnati nello spettacolo “Troppo Rumore per 7 Note” al Teatro Pavarotti e in concerti in diretta streaming per la Croce Blu e per l’evento Motor Valley Fest nella città di Modena.

Il tenore ha studiato con William Matteuzzi, Luciano Pavarotti e attualmente si sta perfezionando con Beniamino Prior.

Schermata%202020-01-28%20alle%2009
IMG_4751_edited
Schermata%202020-01-28%20alle%2009
Image1_edited